GUIDA VELOCE AL CBD E GLI EFFETTI COLLATERALI

Il CBD ha effetti collaterali?

Il CBD ha effetti collaterali, se sì, quali sono? In questo articolo cercheremo di capire se il CBD ha o meno eventuali effetti collaterali, e come evitarli, se ce ne sono. Partiamo col dire che ormai molti conoscono il CBD o cannabidiolo, composto versatile ricavato dalla cannabis. Ecco, anche questo cannabinoide possiede alcuni effetti collaterali. Del resto, però, anche le vitamine e altri integratori che assumiamo per il nostro benessere psico-fisico possiedono vari effetti collaterali; cerchiamo allora di fare chiarezza. 

  1. CBD: benefici e controindicazioni quali sono ?

    Ogni persona e organismo è a sé stante ed è per questo che è possibile riscontrare alcuni effetti collaterali durante l’assunzione di CBD. Ecco di seguito alcuni dei principali effetti collaterali che è possibile avere se si assume olio di CBD. Il primo che bisogna segnalare è senza dubbio la bocca secca, ossia la secchezza delle fauci. Questo perché il CBD interferisce con i nostri recettori delle ghiandole salivari, riducendo l’afflusso di saliva. Non si tratta di chi sa quale effetto collaterale disastroso, e per contrastarlo è sufficiente idratarsi e bere abbondante acqua o altri liquidi.

  2. Il CBD provoca stanchezza ?

    Il CBD regola il sonno e favorisce il rilassamento; se però vi accorgete che comporta anche una certa dose di sovraffaticamento, il consiglio è quello di ridurre temporaneamente la dose che si sta assumendo, e vedere come va. Poi sarà possibile aumentarla nuovamente. 

  3. Il CBD ha anche l’effetto di stimolare l’appetito?

    Se questo effetto collaterale risulta dannoso per il vostro stile di vita, sarà sufficiente, anche qui, ridurre la dose che si sta assumendo di cannabidiolo, fino a riportare l’appetito ai suoi livelli nella norma.

  4. CBD effetti collaterali quali diarrea, pressione bassa, vertigini?

    Altri effetti collaterali che possono verificarsi in seguito all’assunzione di CBD sono il calo della pressione sanguigna: in questo caso, se si soffre già normalmente di pressione bassa, è consigliabile e anzi fortemente raccomandato parlare con il proprio medico prima di utilizzare CBD olio.
    La diarrea è un altro effetto che potrebbe verificarsi. Essa però di solito non è collegata all’assunzione di CBD, bensì agli oli vettori che vengono utilizzati insieme al cannabinoide stesso. In tal caso si consiglia di cambiare l’olio vettore associato al CBD olio, per evitare di irritare troppo lo stomaco.
    Alcuni riportano anche le vertigini come effetto collaterale dell’assunzione di CBD: in questo caso, il consiglio è come sempre quello di iniziare con il CBD in piccole dosi per poi aumentare la quantità, e verificare bene come reagisce il corpo all’introduzione dell’olio di CBD.


  5. CBD stimola effetti sessuali?

    Il CBD ha molti benefici effetti sulla sfera sessuale, e può essere utilizzato per ravvivare l’eros con il vostro partner. Non sono noti effetti collaterali del CBD in questo campo, anzi. 


  6. Fumare CBD ha controindicazioni?

    Le controindicazioni del fumo di CBD possono essere ricomprese nelle indicazioni fornite in generale in questo articolo. 


  7. CBD ha effetti collaterali in generale?

    Come abbiamo visto, gli effetti collaterali del CBD sono pochi e contenuti, e controllabilissimi facendo attenzione alle dosi che vengono assunte. Il CBD è una sostanza che ha numerosissimi effetti benefici e assai poche controindicazioni, tra queste abbiamo visto la secchezza delle fauci, la bassa pressione sanguigna, la stanchezza, le vertigini, l’aumento (o anche, a volte) la riduzione dell’appetito. Per la maggior parte di questi effetti basta ridurre la dose assunta di cannabidiolo, aspettare qualche giorno e gli effetti negativi spariranno. In ogni caso gli effetti collaterali sono ampiamente compensati dai ben più rilevanti effetti positivi attribuibili al CBD. Alcuni si domandano se l’applicazione di creme (ossia prodotti topici) contenenti CBD possa avere effetti collaterali di un qualche tipo; se una persona ha la pelle particolarmente sensibile o è allergica a qualcuno degli ingredienti contenuti nel preparato, può accadere che la pelle si irriti o pizzichi. In questi casi bisogna procedere come con qualunque altra crema nuova da applicare sulla pelle: la si “testa” prima su una piccola porzione di pelle, si vede come reagisce e solo in seguito si applica su porzioni di pelle più estese. 

FAQ



CBD e cuore ci sono effetti collaterali?

La risposta è no. Il CBD sul cuore è assolutamente sicuro. 


CBD e psicofarmaci: mi devo preoccupare?

Alcune persone si domandano se tra gli effetti collaterali del CBD vi sia una possibile interferenza con psicofarmaci o altri farmaci che si stanno assumendo. Il consiglio qui è di parlare sicuramente prima col medico di base, prima di assumere qualsiasi cosa contenga CBD. Il CBD infatti interferisce con alcuni farmaci soggetti a prescrizione medica. Quindi se state assumendo uno di questi farmaci, bisogna chiedere al proprio medico se è opportuno assumere CBD. Il CBD ha moltissimi effetti benefici ma bisogna comunque prestare attenzione ai possibili effetti collaterali quando lo si assume.


Il CBD ha effetti psicotropi?

No, il CBD non ha effetti psicotropi. Non contiene (almeno nella marijuana legale) quantità tali di THC da avere effetti stupefacenti.


Cosa succede con gli effetti collaterali del CBD, svaniscono del tutto?

Le persone si chiedono anche, naturalmente, se gli effetti collaterali del CBD permangano a lungo nell’organismo o svaniscano completamente. La risposta è: se l’olio di CBD (come suo solito) ci mette molto tempo a dispiegare i suoi effetti nell’organismo, allora anche i potenziali effetti negativi impiegheranno davvero poco tempo a dissiparsi. Difatti, eventuali effetti collaterali del CBD svaniranno nel giro di sole poche ore. Dunque, si può stare davvero tranquilli e, per maggiore sicurezza, scegliere prodotti con CBD di elevata qualità.


Il CBD ha effetti sul cervello?

Sì, il CBD ha effetti sul cervello e sono complessi e per lo più sono benefici. Basti pensare che il CBD viene spesso impiegato per la cura di malattie gravi come il Parkinson, l’Alzheimer, contro le crisi psicotiche, l’epilessia e contro vari tipi di disturbi d’ansia o da attacchi di panico. Favorisce il sonno e il rilassamento e ha moltissimi altri effetti benefici da non sottovalutare. Tuttavia, nel caso del Parkinson è possibile che i sintomi peggiorino, se il CBD viene assunto in grandi quantità, in dosi molto elevate. Dunque bisogna attenersi strettamente alla dose consigliata, che è anche quella curativa.

TI POTREBBE INTERESSARE

× How can I help you? Available from 10:00 to 21:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday